Storia

Storia del badminton
Il Badminton ha radici antichissime; le testimonianze storiche confermano l’esistenza, fin dal I secolo a.C., di un antico gioco cinese in cui si usavano volani e rudimentali racchette. Molto popolare, il gioco inizia a “volare” e diffondersi verso terre lontane raggiungendo il Giappone, l’India, il vecchio Siam, la Sumeria fino toccare la Grecia e poi arrivare in Inghilterra. Il “volano” acquisisce dignità di disciplina sportiva nel 1860, in un castello inglese, “Badminton House”, luogo da cui la disciplina prende il nome e dove vengono codificate le regole e si diffonde in tutto il pianeta.
Nel 1934 viene fondata l’International Badminton Federation (IBF) i cui membri costituenti sono: Canada, Danimarca, Inghilterra, Francia, Irlanda, Olanda, Nuova Zelanda, Galles e Scozia.
Dal 2007 l’IBF diventa Badminton World Federation (BWF). Al giorno d’oggi il Badminton può contare su 183 associazioni affiliate alla federazione internazionale Badminton World Federation (BWF) ed è il terzo sport più praticato al mondo.
La BWF è l’organo di governo dello sport del Badminton ed ha sede a Kuala Lumpur (Malesia) e uffici a Losanna (Svizzera) e collabora attivamente per lo sviluppo del Badminton con il CIO e i Comitati Olimpici Nazionali.

Il Badminton compare in Italia negli anni ’40. Nei primi anni ’60, si comincia a diffondere la pratica anche se in maniera non omogenea.

Riccardo Simonetti, appassionato di Padova, crea una Federazione Italiana (1960 – 1966) che siaffilia all’IBF. Merano e Bolzano sono altri due centri vitali della propagazione dello sport del volano.

Dopo le prime apparizioni, il Badminton entra nel 1974, grazie alle intuizioni e all’opera del Cavalier Aurelio Chiappero, in una fase pioneristica. Il 16 giugno 1974 è una data storica: il Cavalier Chiappero scrive al CONI, dichiarando la sua intenzione di costituire “la Federazione Italiana del Volano – FIDV”.

Nel 1976 si costituisce l'”Associazione Italiana Badminton – A.I.B”, che accoglie poi lo squash, si trasforma in A.I.B.S. (Associazione Italiana Badminton Squash) e ottiene il riconoscimento della Federazione Italiana Tennis.

Nel 1977 si svolge il 1° Campionato italiano e ad aprile del 1978 (dal 9 al 15), la squadra Nazionale italiana, composta da 6 giocatori, effettua la sua prima trasferta per partecipare ai Campionati Europei a Preston, in Inghilterra. Compongono la formazione azzurra Kurt Duschek (capitano), Carlo Klammsteiner, Heinz Knabl, Walli Raffeiner, Annelies Waldner e Lida Schopf. La squadra azzurra viene inserita nel quarto girone eliminatorio insieme a Svizzera, Belgio e Portogallo. Lorenz Waldner, attualmente Consultore D’Onore, è il team manager della squadra azzurra.

Il primo Regolamento Tecnico di Gioco si stampa nel gennaio 1978, mentre un anno dopo si pubblica quello dei Campionati Italiani a squadre.

 

 

Foto in alto: Francia 1740 Jean-Batiste -Simeon Chardin
 
Arazzo del 700 Villa Buri – Verona. L’affresco è attribuito a Marco Marcola.
“La partenza di Pulcinella” – Giandomenico Tiepolo 1797
Fanciullo con racchetta e volano – Inghilterra 1610 – Autore anonimo.